fbpx

Virtual reality o Mixed reality?

Facciamo chiarezza

Marketing, gaming, design, architettura… la realtà virtuale è sempre più diffusa e sempre più alla portata del consumatore. Una tecnologia, o meglio un insieme di tecnologie, che si fa sempre più spazio nel mercato attuale.

La differenza di base fra le tre tecnologie è il rapporto fra realtà e virtuale, o per dirla diversamente, il livello di immersività che la tecnologia fornisce. Si possono quindi individuare due macro categorie: Virtual reality e Mixed reality, proviamo a fare un po’ di chiarezza fra le due.

Immersività completa: virtual reality (VR)

virtual reality oculusLa realtà virtuale vera e propria mette a disposizione dell’utente un ambiente completamente simulato, isolandolo dall’ambiente reale nel quale egli si trova in quel momento, la tecnologia può anche riprodurre scenari reali (ad esempio un bellissimo panorama alpino) ma non interagisce mai con l’ambiente circostante.

Tecnologie principali:

un ottimo esempio sono gli oculus, utilizzati ad oggi principalmente per i videogame, la situazione perfetta per un’immersione totale del giocatore che può vivere l’ambiente di gioco senza distrazioni. Se li avete già provati sapete che il risultato è impressionante nonostante questa tecnologia sia solo agli albori. Sono molto recenti infatti i primi modelli privi di disturbi visivi (molto difficile ottenere oculus in cui la retina sia completamente invisibile).

Interazione con il reale: mixed reality

Agli antipodi della realtà virtuale la mixed reality. In effetti nel corso degli anni sono state proposte numerose definizioni per la realtà mista. Secondo la definizione più diffusa, qualsiasi tecnologia metta in relazione ambiente reale e virtuale può considerarsi mixed reality. Secondo altri invece esisterebbe una classificazione più specifica. In ogni caso essa prevede un ambiente che non è né completamente reale né completamente virtuale.

Tecnologie principali:

Nel concreto essa comprende un’ampia gamma di casi, dai video che mescolano realtà e ricostruzioni grafiche fino alle applicazioni che permettono di alterare il modo in cui l’ambiente circostante si presenta, colorandolo o trasformandone la forma. Questa tecnologia è ormai molto comune ed è utilizzata sia su dispositivi di grande diffusione, come gli smartphone, che su dispositivi dedicati come i Google Glass. In architettura, ad esempio, viene utilizzata per mostrare al cliente una trasformazione futura, come ad esempio i risultati di una ristrutturazioni d’interni.

augmented reality

All’interno del concetto di mixed reality si trovano poi vari casi specifici come l’augmented reality e l’augmented virtuality

Augmented Reality: si parla di realtà aumentata quando la tecnologia inserisce elementi virtuali (immagini, schermate, informazioni, grafiche, etc tec.) in interazione con l’ambiente reale, che rimane comunque predominante (un ottimo esempio è il famosissimo gioco pokemon go!).

Augmented Virtuality: dall’altro lato si trova la virtualità aumentata dove, al contrario, troviamo elementi reali in relazione ad un ambiente a predominanza virtuale (pensiamo ad esempio ad un videogame dove possiamo vedere le nostre mani muoversi ed interagire con lo spazio circostante).

 

Le definizioni poi non si fermano qui. Noi intanto speriamo di aver fatto un po’ di chiarezza e, soprattutto, di avervi incuriositi!

Maggio 28, 2019

0 responses on "Virtual reality o Mixed reality?"

Leave a Message

Chi siamo

Corsi online, accreditati per architetti, ingegneri e geometri. Centro Formativo Autorizzato Sketchup Italia. Tutorial e info sui software.

Sede operativa c/o I3P: via Pier Carlo Boggio, 59, 10138, Torino.
+39 393 905 32 00 (attivo lunedì-venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00)
info@sintesiforma.it

Lavora con Noi

Privacy Policy Cookie Policy

CORSI ACCREDITATI VALIDI PER ARCHITETTI, INGEGNERI, AGRONOMI, FORESTALI E GEOMETRI

 

 

 

Ultimi Tweet

AIUTO & CONTATTI

Hai bisogno d’aiuto? Consulta la sezione F.A.Q. o Scrivici!

top
© Sin Tesi Forma s.r.l. All rights reserved. Via Paolo Sacchi 48, 10128 Torino Italy; C.F./P.Iva 11139020017; Numero REA: TO - 1190518; Capitale sociale: € 14.575,72